Incontro informativo, con gli Amministratori comunali, per la rete catastale del Consorzio Garda Uno

by in Senza categoria 0 comment

Incontro informativo, con gli Amministratori comunali, per la rete catastale del Consorzio Garda Uno

Erano presenti non solamente tutti i sindaci, o loro delegati, della Valtenesi, ma anche pubblici amministratori di altre località del comprensorio dell’Azienda Speciale Consorzio Garda Uno. all’incontro promosso dal Consigliere di Amministrazione del Consorzio Walter Romagnoli. Presenti anche l’ing. Oscar Papa ed il dr. Nicola Scotti Consiglieri delegati allo sviluppo del progetto.

Oggetto della convocazione, tenutasi presso la sala consigliare del Comune di Padenghe, l’illustrazione del funzionamento e delle varie possibilità che la disponibilità della Banca dati catastale, aggiornata relativa all’intero territorio dei comuni consorziati, potrà fornire attraverso la realizzazione del “Progetto per la realizzazione del sistema geografico informativo consortile”.

A relazionare, e fornire spiegazioni tecniche ai presenti, vi era il ing. Castagnoli consulente incaricato dal Consorzio per la realizzazione del sistema operativo catastale.

Il Consorzio Garda ha recentemente stipulato con il Ministero delle Finanze, Dipartimento del Territorio, un protocollo d’intesa per la gestione della banca dati di catasto terreni per la formazione e l’aggiornamento sia della cartografia numerica sia per l’aggiornamento degli archivi censuari. Nell’accordo viene anche previsto, fra le numerose finalità anche l’aggiornamento degli archivi del catasto fabbricati e la formazione dell’archivio magnetico delle schede planimetriche.

I sistemi geografici informativi rappresentano una risorsa di grande rilevanza per i soggetti preposti al governo del territorio o che con esso interagiscono per i più svariati motivi. L’Azienda Speciale Garda Uno ha il problema e la necessità di ottimizzare e migliorare il sistema di depurazione delle acque...

Read the story

Mondiali, fiorettisti azzurri d’argento ma presentano ricorso contro la Cina

by in Senza categoria 0 comment

I fuochi, il comparatico, le erbe e i presagi.

Un folklore dimenticato

La festa di San Giovanni e’ la piu’ antica e percio’ diffusa in tutta la Sardegna, e’ veniva celebrata fino a poco tempo fa’, accendendo nelle piazze di numerosi paesi, dei grandi falo’, chiamati fogus o fogoronis, ricorrendo intorno alla data di quella festa , il solstizio d’ estate.

I fuochi si eseguivano sull’ inbrunire della vigilia di San Giovanni nelle piazzette dei paesi, dove intorno al fuoco si cantava e si ballava, e mentre le fiamme piu’ vive s’ innalzavano verso il cielo, ragazzi, giovani, e spesso anche gente adulta, dopo aver preso una breve rincorsa, passavano attraverso le fiamme con grandi salti, e col pericolo di essere bruciati.

La mattina di San Giovanni , all’ aurora, si andava a cercare le erbe magiche che servivano a preparare le medicine ma anche i filtri d’ amore e altri sortilegi e che dovevano percio’ essere colte secondo precisi rituali diversi da paese a paese. Durante questa festa si celebrava la cerimonia del comparatico, un rito particolare che faceva diventare due persone goppais e gommais, compari e comari. Le persone interessate, che si univano in un simbolico vincolo di comparatico che talvolta durava tutta la vita, dovevano il giorno della festa di San Giovanni , saltare le fiamme del fuoco tenendosi a due a due per mano, oppure buttare nel fuoco due fazzoletti annodati. Il vincolo del comparatico diventava in questo modo sacro e piu’ forte di un vincolo di sangue....

Read the story

L’ultima Pronuncia Sulla Tutela Ultramerceologica Nel Caso Adidas

by in Senza categoria 0 comment

L’ultima pronuncia sulla tutela ultramerceologica nel caso Adidas

Non è necessario constatare un rischio di confusione tra il marchio notorio e il segno per accertare una violazione del marchio notorio, ma l’uso di tale segno da parte di terzi non può essere impedito se il pubblico lo percepisce come decorazione: la sentenza Adidas/Fitnessworld conferma l’approccio alla tutela ultramerceologica per i marchi notori seguito nel caso Davidoff.

Adidas, produttrice di indumenti sportivi e titolare del noto marchio costituito da tre strisce verticali parallele, aveva chiesto a un tribunale olandese di impedire a Fitnessworld la commercializzazione di indumenti sportivi con un motivo a due strisce applicato sulle cuciture laterali. Secondo Adidas, la commercializzazione da parte della Fitnessworld di indumenti recanti il motivo a due strisce generava un rischio di confusione, in quanto il pubblico avrebbe potuto associarli con i capi di abbigliamento sportivo della Adidas.

La causa era giunta di fronte all’Alta Corte dei Paesi Bassi, che aveva sospeso il procedimento per chiedere alla Corte di Giustizia Europea (causa C-104/01) di rispondere essenzialmente a due domande:

a) se l’Articolo 5(2) della Direttiva sui marchi, che nella sua formulazione espressa si applica soltanto quando un determinato segno è usato in relazione a beni o servizi che non sono simili a quelli per i quali il marchio è stato registrato, si possa applicare anche con riferimento a beni o servizi simili o identici (e quali siano gli effetti della risposta a tale quesito sulla legge nazionale che ha trasposto la norma);

b) quale sia l’incidenza sulla questione del...

Read the story